Accedi

Recuperare la parola d'ordine

Ultimi argomenti
» one piece film z
Mer Mar 13 2013, 20:09 Da giuseppesanto

» Presentazione
Lun Nov 19 2012, 21:20 Da IL Barista

» presentazione
Ven Ott 26 2012, 19:38 Da americhe

» Ancora due giorni di pioggia
Mar Set 04 2012, 20:28 Da IL Barista

» Scaricare musica da Youtube
Mar Set 04 2012, 20:24 Da IL Barista

» TOPIC FLOODOSO N°1
Mar Set 04 2012, 20:21 Da IL Barista

» Musica nuova/commerciale/schifosa/radio/tunztunz/wakawaka (eh-eh!)
Mar Set 04 2012, 20:20 Da IL Barista

» saluti
Lun Lug 16 2012, 14:23 Da cheyenne67

» Piu' separazioni, il matrimonio dura 15 anni
Gio Lug 12 2012, 15:19 Da IL Barista

» Conta-post +1
Gio Giu 21 2012, 16:49 Da IL Barista

» Tanti auguri a...
Gio Mag 31 2012, 19:15 Da Checco

» Saluti a tutti
Ven Mag 18 2012, 20:34 Da Checco

» L'età giusta per l'amore? Il primo amore.
Mer Mar 28 2012, 17:54 Da #EREMITA#

» nuovo arrivo
Mer Mar 28 2012, 17:44 Da #EREMITA#

» Fotoshop,gimp o paint shop pro?
Mer Mar 28 2012, 17:40 Da #EREMITA#

» Minecraft: Topic Discussioni
Mer Mar 28 2012, 17:39 Da #EREMITA#

» Mari0: Quando Portal incontra Super Mario
Dom Mar 18 2012, 10:53 Da ClienteFedele

» I Video più pazzi del web... =)0_0(=
Sab Mar 10 2012, 19:35 Da Checco

» Peter Jackson's King Kong: The official game of the movie
Dom Mar 04 2012, 14:12 Da Checco

» Presentazioni più piene
Dom Feb 26 2012, 21:15 Da Checco

Luglio 2014
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Calendario Calendario


Il parco Acquatico al coperto più grande del mondo!

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Il parco Acquatico al coperto più grande del mondo!

Messaggio Da Roaller Coaster il Mar Mar 24 2009, 22:17

A Seagaia Resort (Giappone), l’Ocean Dome è il parco acquatico più grande del mondo. Contiene una gigantesca piscina con le onde, che può ospitare fino a 10.000 persone, un vulcano che erutta ogni 15 minuti, scivoli e molto altro ancora…









fonte techeblog.com




Ocean Dome: il paradiso (finto) dei surfisti (veri)





MARE VERO, MARE FINTO
L'OCEAN DOME E IL SURF INDOOR IN GIAPPONE

(MAX, Agosto 2007)



300m. di lunghezza per 100 m. di larghezza per 38 m. di altezza.


Temperature costanti di 30° C per l’aria e di 28°C per l’acqua.


Sabbia finissima, spiagge linde, un vulcano attivo, vegetazione tropicale.


E un oceano dentro.


Finto.




Scivoli, vasche per bambini, onde per surfisti, spettacoli teatrali.


Cucina tipica, boutiques, cinema, capienza di più di 10.000 persone.


Giochi di luce, cielo sereno, tetto retraibile.


E affaccio sull’Oceano.


Quello vero.




È stato progettato dalla Mitsubishi Company.


È costato due bilioni di dollari.


È destabilizzante e sbalorditivo.


È annoverato nel Guinness dei Primati come il più grande parco acquatico indoor del mondo.


Si chiama OCEAN DOME, e si trova in Giappone.

[continua...]






Già, perché proprio di un parco acquatico stiamo parlando, la cui
particolarità non è solo la grandezza, ma il fatto che sia un parco
acquatico contenuto in una struttura chiusa che è parte integrante del
SeaGaia Resort, un’area di circa 700 ettari e di 10 Km di estensione in
lunghezza situata sulla Hitotsuba Coast, nella prefettura di Miyazaki
sull’Isola di Kyushu, dove il clima è abbastanza temperato per una
buona parte dell’anno.



Seagaia non è un termine giapponese, ma un neologismo che vede
l’inglese “sea” (mare) e il greco “gaia” (terra) uniti in un’unica
parola per significare appunto le caratteristiche del luogo, fatto di
foreste meravigliose, spiagge lunghe e deserte, e tanto mare.




La domanda a questo punto sorge spontanea: perché pagare quasi 90.00
US$ (tanto costa l’ingresso per un giorno se non si è ospiti del
Seagaia Resort) quando poco più in là si può godere di una vera
spiaggia, di un vero oceano, e tutto gratis?




A dare una spiegazione, il signor Takashi San, per moltissimi anni addetto alle relazioni esterne per l’Ocean Dome:



In Giappone non è come in Italia: qui nevica, piove, fa freddo o
semplicemente c’è brutto tempo molto spesso. Realisticamente, possiamo
dire che in un anno si riesce ad andare in spiaggia – quella vera –
solo per quattro mesi, ma senza una certezza di continuità a livello di
bel tempo. Non è così astruso un luogo come questo, quindi, che lascia
entrare il sole, l’aria e il tepore naturali quando fuori il clima lo
permette, ma che assicura cielo blu, cirri, caldo e luce quando c’è
maltempo
”.


Gli chiedo se un po’ non c’entra anche tutto il fatto dell’inquinamento
ambientale fra i motivi per cui i Giapponesi non amano molto l’idea di
andare al loro mare vero: in fondo tutti ricordano l’avvelenamento da
mercurio della baia di Minimata e come, fra gli anni ’60 e ’70, fossero
sorte altre malattie connesse all’inquinamento delle acque, tipo la
malattia itai-itai o l’avvelenamento cronico di arsenico del distretto
di Toroku, proprio nella prefettura di Miyazaki.



Mi risponde che questa è acqua (è proprio il caso di dirlo) passata:
dalla fine degli anni ’60 sono state infatti stabilite leggi
rigidissime sugli standard di sicurezza per la protezione dell’ambiente
e della salute dell’uomo. Leggi così efficaci, tanto che la famigerata
Baia di Minimata è stata di recente dichiarata sicura.




Quindi il mare è pulito.



Possibile allora che sia veramente solo una questione di brutto tempo?
Perché 2 bilioni di dollari, di cui un terzo finanziato con denaro
pubblico, per costruire un parco acquatico non sono proprio pochi...



Provo a sentire il punto di vista di un non giapponese che però con l’Ocean Dome ha avuto molto a che fare.



Si tratta di Matthew Pitts, surfista australiano di fama internazionale
che per diversi anni ha lavorato al Dome come “attrazione” principale.




Ho iniziato a lavorare con il Dome appena aprì i battenti e sono stato
lì fino alla prima chiusura, nel 1999
[l’Ocean Dome ha chiuso più
volte, l’ultima nel 2002 a seguito di una procedura fallimentare,
n.d.r]. Svolgevo il lavoro migliore del mondo per un surfista: pagato
per stare sempre sul surf. Oltre a performance di surf sulle onde più
difficili, interpretavo anche il protagonista di uno spettacolo
teatrale-acquatico, con ballerini sulla spiaggia, io e altri quattro
colleghi sulle onde e proiezioni 3D sul megaschermo alle spalle. Un
sogno.





Ma cosa provavi a stare chiuso là dentro con le onde vere a poche centinaia di metri?




Nel tempo libero andavo ovviamente a fare surf sull’Oceano vero. Però
devo ammettere che l’Ocean Dome è un posto estremamente affascinante: i
Giapponesi ci sanno fare con i parchi divertimento e sanno come non
deludere, che si tratti di surfisti principianti oppure professionisti





Ecco, i Giapponesi, appunto: mi confermi che hanno fatto questo po’ po’
di investimento solo perché il brutto tempo non permette loro di
godersi le spiagge per più di neanche 4 mesi all’anno?



Matthew ridacchia e allora insisto: non è invece che preferiscono
situazioni straorganizzate all’incertezza che qualcosa vada storto?




Questo è uno dei punti certi: fra rischiare che non si possa fare surf
perché non ci sono onde buone e farlo nel momento esatto in cui
decidono che lo vogliono fare, preferiscono la seconda. Un Oceano non
lo controlli... il Dome sì. Poi, vuoi mettere la sicurezza di
temperature costanti, di nessun pericolo, del divertimento garantito...
odiano l’idea di non aver nulla da fare o giacere magari sotto il sole
stando inattivi. Al Dome, è impossibile invece stare fermi. Ma c’è
anche un altro motivo: hanno l’idea fissa di voler sempre sfruttare
economicamente il divertimento. E sanno bene che se spingono l’uso
delle spiagge naturali, guadagnano meno che nel costruire situazioni
come l’Ocean Dome.





Eppure l’Ocean Dome ha diverse volte dichiarato bancarotta...




Però poi ha sempre riaperto... È un posto che difficilmente fallirà
sul serio. Ci sono frequentatori del Dome – e non pochi - disposti a
pagare anche 1.500 US$ per sessioni di surf singole di un’ora e mezza.
E il posto non conosce cali: è sempre pieno.





Che questo oceano bonsai sia sempre pieno lo conferma anche la visione
che appare all’ingresso: brulica di “bagnanti” con costumi dai mille
colori e dalle mille fogge. Mi annoto mentalmente che voglio
individuare quanti indossano costumi normali e quanti, invece, quelli
creati da Ujiteru Niwa, patron della Toray e inventore dei costumi che
non si bagnano mai e di quelli antisabbia.



Comunque Rimini d’estate, in confronto, è roba da dilettanti.



E diventeremo dilettanti anche in fatto di abbronzatura, ora che
l’abbronzatura sta diventando un must soprattutto fra i nuovi gruppi di
ragazze trasgressive nei modi e nel look come le Yamaba e le Ganguro
Gyaru
(ganguro, in giapponese, significa abbronzatura).



Mi viene infatti spiegato che fino a poco tempo fa, in Giappone
l’abbronzatura era considerata per niente sexy mentre ora, nelle fasce
più giovani, invece piace perché occidentalizza e caratterizza.



Per cui all’Ocean Dome si sono adattati alle nuove esigenze, offrendo
alle bad girls ribelli che hanno l’usanza di abbronzarsi
artificialmente come segno distintivo, l’opportunità di rosolarsi in
tutta tranquillità con appositi lettini.



Trasgressione sì, ma senza scottarsi.




E dunque tirando le somme - sia che lo vediate come una mostruosità
artificiale creata da un popolo monomaniacale o come una meraviglia
della tecnica partorita da menti geniali – è comunque un luogo
sorprendente, assurdo. Spaziale.



Anzi così fantascientifico che, guardandomi intorno mentre sono avvolta
dall’estate perenne dell’Ocean Dome, non riesco a non pensare ai
bradburiani astronauti di “The long rain” dentro l’ultima cupola
solare. E mi sento felice.



Ora so dove andare, in caso di una nuova pioggia senza fine.

Note:
articolo pubblicato su MAX, Agosto 2007

testo: Serena Guidobaldi

fotografie: copyright Elena Formenti, 2007

foto1 - interno dell'Ocean Dome

foto2 - l'oceano vero, a poche centinaia di metri dall'Ocean Dome


Ultima modifica di Roaller Coaster il Mar Mar 24 2009, 22:21, modificato 1 volta

Roaller Coaster
suber bevitore di post
suber bevitore di post

Femminile
Numero di messaggi: 32
Punti: 1994
Esperienza: 5
Data d'iscrizione: 22.03.09

Test Del Bar
Rispetto Del regolamento:
100/100  (100/100)

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il parco Acquatico al coperto più grande del mondo!

Messaggio Da Roaller Coaster il Mar Mar 24 2009, 22:17

IN ITALIA!!! LO VOGLIO IN ITALIAAAAAA! Sad

Roaller Coaster
suber bevitore di post
suber bevitore di post

Femminile
Numero di messaggi: 32
Punti: 1994
Esperienza: 5
Data d'iscrizione: 22.03.09

Test Del Bar
Rispetto Del regolamento:
100/100  (100/100)

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il parco Acquatico al coperto più grande del mondo!

Messaggio Da IL Barista il Mar Mar 24 2009, 23:07

Un testamento!!! asd

Comunque in italia non sarebbe male, magari anche se fosse un po' più piccolo mi accontenterei lo stesso...

___________________
"Balle!! D'ora in poi tu sei il soldato Ospite , ti piace questo nome?

Dato che sono un duro non mi aspetto di piacervi. Ma più mi odierete più imparerete, io sono un duro però sono giusto!


Uno dei più grandi problemi della rete è che non si è mai sicuri della fonte. (Jhon Wayne)

IL Barista
Fondatore del sito
Fondatore del sito

Maschile
Numero di messaggi: 5246
Età: 18
Localizzazione: Solitamente è dietro al solito bancone del solito bar a distribuire i soliti drink al solito prezzo. (Sassari, Sardegna)
Punti: 18524
Esperienza: 113
Data d'iscrizione: 25.10.07

Test Del Bar
Rispetto Del regolamento:
100/100  (100/100)

Vedere il profilo dell'utente http://ilbar.topic-zone.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

Permesso del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum